Ritorno al Medioevo

“Al rogo! Al rogo!” Gridava la folla alla povera ragazza legata al palo.

Negli ultimi 6 mesi più di 4 casi, solo in Italia, per gelosia, per razzismo o per “gioco”. Pratica gloriosa dell’epoca più buia della storia, sta tornando in voga in questo ultimo periodo.

Se si accostano questi fatti alle guerre pseudo religiose tra Medio Oriente ed il resto del mondo, si trovano somiglianze con le infondate crociate cominciate del XI secolo.

La libertà di stampa è messa a dura prova da censure di cui non siamo a conoscienza, la libertà d’informazione vacilla anche sul web, basta dare un occhiata al blocco Wikipedia, in Turchia.

La differenza che si sta creando ogni giorno tra i ricchi e i poveri, la scomparsa della “borghesia”.

La creazione di falsi miti su corporazioni, massonerie e illuminati di vari stati.

E in tutto questo? Noi diamo più importanza all’ultimo concerto di Bieber, o dove fa le vacanze Belen.

Difatti viviamo in un paese ancora “libero”, dove ognuno può esprimere la propria opinione e documentarsi nei canali che preferisce.

Ma noi optiamo per farci riempire di baggianate dalla televisione e dai giornalini di moda, gossip e celebrity. Forse la tua vita non è poi così importante, se leggi quella degli altri…

Ogni tanto mi viene in mente la scena dove Neo (Matrix) si sveglia in quelle incubatrici che contengono migliaia di persone, separate l’una dall’altra, connesse e alimentate tramite un cordone.

La società mi appare così. Ci sono pochi che si svegliano da quell’ipocrisia, forse sono troppo pochi per fermare tutta la macchinazione che da tempo ci sta facendo diventare schiavi del nostro finto benessere.

Se pensi che svegliarti ti serva a poco, pensa al tuo avvenire, pensa al tuo bambino che crescerà in modo ancora peggiore. Forse sarà lui a bruciare qualche povero clochard per gelosia, oppure legare e dar fuoco a una persona per il colore diverso della pelle. Andate a chiedere alle 2 figlie che ricorderanno il padre come un cumulo di ossa carbonizzate. Rabbrividisco.

Ma da bravi perbenisti ipocriti, condividiamo, mettiamo un sacco di faccine piagnucolose, ma non ci preoccupiamo finché non succede sulla nostra pelle.

Prevenire è meglio che curare, il gruppo si fonda sempre dalla decisione di una persona.

Decidi di non far tornare il Medioevo.

Condividi, perchè l’apertura mentale viene dalle conoscenze e dalla condivisione di esse.

Alex S.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...